20221014_211719 (1).jpg

Gita effettuata in gruppo con Alessandra Giussani il 14 ottobre 2022 a Lucerna:

rimane lo stupore di fronte alla bellezza copiosa e ridente di opere pittoriche da Picasso ad artisti odierni attraverso la Collezione Rosengart, l'esposizione al Kunstmuseum su David Hockney e quella dedicata a Sara Hughes.

 

Dal 2002 Angela Rosengart, classe 1932, ha aperto a Lucerna la sua collezione al pubblico: la superlativa selezione di opere di Picasso, Chagall, Paul Klee (e altri) ci ha letteralmente conquistati tutti (giovane autista del pullman compreso!). 

 

Al Kunstmuseum abbiamo ricevuto un'altra bella carica: ci siamo divertiti, abbiamo dibattuto e condiviso la conoscenza di David Hockney, personaggio rappresentativo dei nostri tempi, artista di 85 anni, esponente della pop art, oggi proficuo pittore di paesaggi colorati e vitali. Egli è convinto che "gli artisti, i veri artisti, devono lavorare. Non possono essere edonisti. I pittori veramente bravi lavorano sempre. Il mondo è un posto così meraviglioso!" 

 

Nelle sale finali espositive, abbiamo incontrato altri paesaggi colorati e vitali della ispiratissima Shara Hughes (classe 1981, USA) nei quali v'è traccia degli insegnamenti di Hockney. Prendendosi il tempo per contemplarli si accorge che sono anche qualcosa di diverso dal tema del paesaggio: si sente una potente carica di energia, che porta oltre l'apparenza della natura ottica, per entrare in un campo vibrazionale. La parole dell'autrice confermano la percezione: i suoi dipinti nascono da un lavoro intuitivo libero sui colori e sulle forme.

Shara Hughes afferma che non cerca mai di raffigurare luoghi né reali né immaginari. "Sperimento le tecniche, cerco nuove combinazioni di colori, cerco di fare qualcosa che mi sorprenda e mi sembri un po' strano, e lavoro fino a che il quadro mi appare convincente, e non giusto o vero.”

È una gioia percepire la potenza dell'energia. L'impegno e l'autenticità di alcuni artisti moderni ci insegna come "stare in questo sentire".

Un ringraziamento a Rita, Ornella, Lidia, Paolo Maria, Celso, Paola, Fosca, Katia, Margherita, Elisabetta, Nic, Axel e Mattia.